comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VERNIO
Oggi 19°30° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
sabato 15 agosto 2020
corriere tv
Salvini: «Se quello che si dice dei verbali Cts fosse vero, Conte andrebbe arrestato»

Attualità mercoledì 15 luglio 2020 ore 15:11

Covid, licenziato e reintegrato a Torregalli

Asl Toscana e Cisl-Fp Firenze Prato hanno siglato un accordo per revocare il provvedimento disciplinare applicato ad un dipendente di Torregalli



FIRENZE — Un dipendente dell'ospedale San Giovanni di Dio di Firenze è stato licenziato dopo una intervista rilasciata in forma anonima sulla gestione dell'emergenza Covid, oggi è stato reintegrato dall'Azienda sanitaria a seguito di una conciliazione.

Dopo un’intervista rilasciata al TG2 il giorno 17 aprile 2020 da un anonimo con voce contraffatta che affermava l’inesistenza di regole basilari di trattamento ospedaliero durante l’epidemia Covid nell’ospedale di Torregalli, nonché l’insufficienza dei Dispositivi di Protezione Individuale, la Asl Toscana ha ritenuto di dover intimare il licenziamento di un dipendente, dirigente sindacale Cisl. Il dipendente è stato riammesso in servizio dal 16 luglio 2020 previa revoca del provvedimento disciplinare, con conseguente reintegrazione nel posto di lavoro, secondo le modalità previste da un accordo conciliativo. 

Asl e Cisl hanno congiuntamente spiegato che "La Ausl ribadisce che mai è stata, né può essere, in contestazione la piena ed assoluta libertà di iniziativa e di critica sindacale, anche aspra, né tanto meno il ruolo delle OO.SS. e, fra di esse, della Cisl, per il miglioramento delle condizioni di lavoro all’interno dell’Azienda, che la ASL non ha mai inteso limitare, volendo unicamente perseguire l’autore di dichiarazioni false. La Cisl riafferma che la modalità di espressione anonima e nascosta di chi, non rendendosi riconoscibile, non intende assumere responsabilità delle proprie azioni, è estranea al modo d’essere del sindacato per il quale l’esercizio delle proprie prerogative di critica e di azione avviene nell’ambito della trasparenza e conoscibilità, in quanto manifestazione alta sul terreno della democrazia".

Inoltre "La ASL ribadisce che le dichiarazioni rese dall’anonimo nell’intervista in questione sono del tutto prive di fondamento per ciò che concerne la separazione dei percorsi fra malati Covid positivi ed altri utenti dell’ospedale di Torregalli. La CISL dà effettivamente atto di quanto sopra affermando che, anche a seguito di specifiche verifiche effettuate, la gestione dell’emergenza sanitaria Covid a Torregalli ha prodotto risultati oltremodo positivi e si è caratterizzata per una risposta in termini di organizzazione sanitaria, appropriata e tempestiva, che ha garantito la separazione netta dei percorsi assistenziali quale garanzia di migliore cura e più efficace controllo della diffusione epidemica".

E ancora "Asl e Cisl, nel riaffermare l’impegno e la dedizione profuse da parte dei medici e degli operatori sanitari durante il periodo dell’emergenza Covid 19, evidenziano che i toni utilizzati dall’intervistato per stigmatizzare la presunta insufficiente fornitura di D.P.I., rispetto a dotazioni sempre risultate conformi agli standard Organizzazione Mondiale della Sanità, sono risultati eccessivi, inadeguati ed inutilmente allarmistici e tali percepiti anche in relazione al drammatico momento di loro esternazione".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità