Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:16 METEO:VERNIO15°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità venerdì 02 aprile 2021 ore 19:44

La Via Crucis intorno all'ospedale

La via crucis all'ospedale
Foto di: Diocesi di Prato / Facebook

Per il secondo anno consecutivo il vescovo Nerbini ha scelto di guidare il percorso della Passione attorno al presidio Santo Stefano



PRATO — Per il secondo anno consecutivo il vescovo di Prato Giovanni Nerbini ha scelto di guidare la via Crucis attorno all'ospedale cittadino Santo Stefano, "per testimoniare vicinanza e preghiera ai malati in un momento difficile della pandemia". Sette stazioni hanno composto il tracciato attorno alla struttura, con molti medici e infermieri che hanno seguito la camminata in preghiera di Nerbini attorno al perimetro dell'ospedale, alle cui finestre erano affacciati numerosi degenti. Ad ogni sosta il vescovo ha fatto intervenire persone rappresentative della società. 

La prima stazione, Eucarestia e Tradimento, ha dato voce all'Ufficio pastorale della Salute. La seconda, Gesù davanti a Pilato, ha dato spazio all'Associazione dei Medici Cattolici. La terza, Il Cireneo, ha visto la partecipazione delle associazioni Misericordia, Pubblica Assistenza, Croce Rossa e Croce d'Oro che ogni giorno lottano in prima linea contro il virus. La quarta stazione, Gesù incontra sua Madre, ha dato voce all'Associazione Figli in Cielo. 

La quinta stazione, Gesù inchiodato sulla Croce, ha affrontato proprio il tema della malattia, con le testimonianze di persone colpite dal virus e poi guarite. La sesta stazione, Gesù muore sulla Croce, è stata riservata all'Associazione Cattolica degli operatori sanitari, mentre la settima ed ultima ha acceso i riflettori sulle storie di Resurrezione quotidiana con le testimonianze di chi si impegna ad essere liberato dalle dipendenze da droga, alcol, gioco o altri disagi.

Con questo cammino non solo facciamo memoria della Passione di Cristo ma vogliamo essere vicini ad ogni storia di passione in ospedale, nelle case di cura, nelle strutture di accoglienza e nelle nostre case

Pubblicato da Diocesi di Prato su Venerdì 2 aprile 2021
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel territorio provinciale le persone che hanno perso la vita dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono adesso 485, i positivi vicini a ventimila
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS