Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:36 METEO:VERNIO18°29°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
lunedì 14 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
M5s, Conte: «Cambierà il linguaggio, per me onorevoli non è una parola diffamatoria»

Attualità mercoledì 04 novembre 2020 ore 16:57

Fino a 500 posti letto Covid nell'ex Creaf

La struttura è stata inserita nell'elenco dei possibili siti dove riorganizzare le degenze per alleggerire la pressione sugli ospedali



PRATO — L’ex Creaf, il Centro ricerche e alta formazione di Prato, potrebbe ospitare fino a 500 posti letto per pazienti Covid.

La struttura, di proprietà della Regione, è stata inserita nell'elenco dei possibili siti dove riorganizzare le degenze per alleggerire la pressione sugli ospedali alle prese con l'emergenza sanitaria.

L’ex Creaf di via Galcianese è stato visitato proprio questa mattina dal presidente della Regione Eugenio Giani.

“Non c’è tempo da perdere. La curva epidemiologica tende a salire, stiamo cercando di potenziare le postazioni Covid e partiamo dagli immobili di nostra proprietà, alcuni già ristrutturati come l’ex Creaf, in modo che nell’arco di un mese possano essere allestiti 400/500 posti letto in più - spiega Giani nel corso del sopralluogo -. E’ già uno spazio idoneo e ristrutturato con condizionamento d’aria e riscaldamento. Si tratta di creare le paratie necessarie per i nuovi posti letto, che andranno a integrare l’offerta della nostra rete ospedaliera. Dobbiamo essere pronti a offrire le risposte che serviranno, se la situazione dovesse peggiorare".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per anni è stato direttore dell’oncologia pratese. Il ricordo dei colleghi: "Punto di riferimento importante per la ricerca"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca