Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:VERNIO18°35°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
domenica 26 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il patriarca Kirill scivola sull'acqua santa e cade durante la funzione religiosa

Cronaca sabato 26 marzo 2016 ore 10:53

Clochard massacrato a bottigliate nel parco

Inutili i soccorsi per un 52enne marocchino senza fissa dimora aggredito nei giardini di via del Campaccio. Forse una lite all'origine dell'omicidio



PRATO — La faccia completamente tumefatta e sfigurata dalle botte: questa la scena che si è presentata ai soccorritori del 118 intervenuti nel parco di via del Campaccio. L'uomo è spirato poco dopo per le ferite: si chiamava Fouad Ouahboun, ad era nato in Marocco 52 anni fa. 

A provocare le ferite mortali sarebbe stato un oggetto appuntito, forse una bottiglia rotta, non ancora ritrovato. Un delitto che sembra dunque essere maturato al termine di una colluttazione.  Il compito di ricostruire la vicenda spetta ora agli investigatori della squadra mobile di Prato. Non si esclude alcuna ipotesi, nemmeno quella del regolamento di conti. 

Dagli ambienti degli inquirenti trapela anche che la scorsa notte, nei pressi del luogo dove il 52enne è morto, è stata trovato una donna italiana in apparente stato confusionale, che presentava ferite alle braccia: potrebbe essere stata testimone della lite conclusasi in omicidio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
196 contagi e nessun decesso nel Pratese. Dal bollettino regionale i dati che fotografano le ultime 24 ore sul fronte epidemico
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità