Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:36 METEO:VERNIO18°29°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
lunedì 14 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La sede della Nato vista dall'alto: il video dal drone

Attualità giovedì 06 maggio 2021 ore 16:34

Uno sciopero nel nome di Luana D'Orazio

Luana D'Orazio
Luana D'Orazio

La manifestazione è indetta da Cgil, Cisl e Uil e prevede un presidio dalle 10 alle 12 in piazza delle Carceri con i segretari generali toscani



PRATO — Uno sciopero nel nome di Luana D'Orazio, l'operaia di 22 anni madre di un bimbo di 5 morta nell'azienda tessile di Montemurlo in cui stava lavorando il 3 Maggio scorso (vedi articoli correlati). Lunedì 10 si svolgeranno i funerali nella frazione di Agliana dove la giovane viveva con la sua famiglia, ma intanto per domani i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno indetto uno sciopero generale di 4 ore.

E' previsto anche un presidio dalle 10 alle 12 in piazza delle Carceri, dove saranno presenti i segretari generali toscani delle organizzazioni sindacali: Dalida Angelini per Cgil, Ciro Recce per Cisl e Annalisa Nocentini per Uil. Con loro anche rappresentanze di lavoratori e sindacalisti che arriveranno dal resto della Toscana. 

Lo evidenziano i sindacati sottolineando che "morire di lavoro oggi non solo è inconcepibile, è intollerabile. Ancora oggi si muore per le stesse ragioni e allo stesso modo di cinquanta anni fa". E concludono: "Non è piu' tempo di parole, ma di azioni concrete delle istituzioni e delle autorità competenti, e di interventi che garantiscano la sicurezza nei luoghi di lavoro".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per anni è stato direttore dell’oncologia pratese. Il ricordo dei colleghi: "Punto di riferimento importante per la ricerca"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca