Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:53 METEO:VERNIO18°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Toscani in TV lunedì 03 maggio 2021 ore 16:02

La scrittrice Anna Bardazzi a Geo

Anna Bardazzi

L’amicizia tra Anna e Lena, due bambine, una italiana e l’altra bielorussa, nata all’indomani della tragedia di Chernobyl raccontata in un libro



PRATO — “Pratese in giro per il mondo. Due figlie parigine, un gatto siberiano”, si presenta così su Instgram Anna Bardazzi, l’autrice del libro “La felicità non va interrotta”, (edizione Salani, collana Le stanze).

Intervistata da Sveva Sagramola a Geo, il programma documentaristico su natura e ambiente, Bardazzi è nata a Prato ma dopo una decina di anni a Parigi, si è trasferita a Milano. Laureata in Scienze politiche con una tesi su Lukashenko, ha insegnato a Minsk, alla facoltà di Relazioni internazionali. Oggi si considera “quasi bielorussa”. La passione per questo paese è nato in lei da piccola quando nel 1995, la sua famiglia ospitò per la prima volta una bambina nell’ambito del “Progetto Chernobyl”. Furono decine di migliaia allora le famiglie italiane che aprirono la porta di casa a bambini russi, bielorussi e ucraini per dare sollievo alle loro vite e ai loro corpi intossicati dalle radiazioni.

Co-founder dell'amatissimo blog “50 Sfumature di Mamma”, Anna Bardazzi ha presentato a Geo il suo primo romanzo “La felicità non va interrotta” (Salani, collana Le stanze) la cui trama gira intorno alla reale esperienza vissuta da lei e dalla sua famiglia. In particolare la scrittrice racconta di Lena, la ragazza bielorussa che arrivò in Italia insieme ai tanti minori invitati a passare qualche settimana di serenità e ripulirsi dalle radiazioni di Chernobyl all’indomani dalla tragedia nucleare che sconvolse quei territori. Da lì nacque un’amicizia che nella realtà ancora lega le due donne protagoniste nonostante la distanza geografica. Il titolo rimanda a quegli attimi di felicità sacra che si vivono soprattutto da bambini e che ogni adulto dovrebbe sempre fare attenzione a non interrompere con i suoi rimproveri o divieti.

Le associazioni presenti in Italia continuano tuttora ad elaborare progetti di solidarietà in favore della Bielorussia e non potendo ospitare i bambini da noi a causa della pandemia, si è pensato di organizzare e finanziare per soggiorni di vacanza nel loro paese. 

Elisa Cosci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con i nuovi positivi emersi oggi, nel Pistoiese gli infettati da inizio pandemia superano quota 21.600. I dati in dettaglio dai bollettini ufficiali
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità