comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VERNIO
Oggi 18°19° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
giovedì 09 luglio 2020
corriere tv
Incontro con il centrodestra, Conte cita Moretti: «Ricorda un po' ‘Ecce Bombo'...mi si nota di più a Chigi o a Villa Pamphilj?»

Attualità giovedì 18 giugno 2020 ore 14:42

Un e-commerce locale per le attività da rilanciare

L'idea di Prato in Azione vuole rendere competitivi i piccoli negozi offrendo la possibilità di ordinare un prodotto online e riceverlo in giornata



PRATO — Il comitato Prato in Azione dopo la proposta di un fondo denominato Prato Riparte che è già arrivato all'attenzione dell’amministrazione comunale e che vuole proporsi come un valido strumento di finanziamento per gli esercenti e le aziende di piccole e medie dimensioni, lancia una nuova sfida e propone “Un commercio in evoluzione. Idee per la ripresa e lo sviluppo del commercio locale pratese” che dovrebbe vedere come attori protagonisti il Comune, le associazioni di categoria, i negozianti e i cittadini come ultimi beneficiari del progetto da inserire in una rete d’impresa.

Il progetto di Prato in Azione 

La proposta è di formare una rete di imprese per lo sviluppo competitivo di una piattaforma e-commerce locale “sharing based”, che "permetterebbe una maggiore capacità di attrazione per fondi europei, procurerebbe un’offerta di nuovi servizi competitivi, una estensione dei potenziali clienti e della promozione e una maggiore forza contrattuale su grossi player di mercato". L’idea è quella di creare "una forza contrattuale con accordi vantaggiosi con gli spedizionieri basati sul volume di ordini sviluppato da tutti i negozianti aderenti all’e-commerce locale ed attrarre fondi europei per la digitalizzazione e lo sviluppo di applicazioni e mercati digitali".

Il progetto propone di implementare un servizio di logistica territoriale con veicoli supportati da un sistema di geolocalizzazione e organizzazione del lavoro.

Per poter realizzare l'idea è necessario che "le associazioni lo promuovano presso i propri associati e acquisiscano le adesioni, che i commercianti aderiscano con un contributo andando a sostenere il progetto e diventandone con la loro azienda soci attivi quindi avranno loro per primi, oltre al beneficio sull’attività anche un utile dal funzionamento della rete d’impresa, il Comune agisca da soggetto promotore per indirizzare le aggregazioni in una strategia di sviluppo territoriale, finanziando studi specifici e contribuendo alle fasi iniziali dei progetti di aggregazione".

Ecco un esempio concreto di come funzionerebbe la rete

"All’interno del perimetro cittadino un consumatore potrà fare shopping senza preoccuparsi di dover portare con sé la merce acquistata, la potrà avere direttamente a casa, anche senza uscire di casa ma ordinando online e vedendosela recapitare entro poche ore. Il sistema e-commerce concluderà la transazione e inserirà l’ordine nel sistema informatico che lo assegnerà al mezzo più idoneo inserendolo nel “suo giro” secondo le modalità più funzionali. Il cliente si vedrà arrivare a casa entro sera, per ordini entro un certo orario, i prodotti di cui ha chiesto la consegna, con tutta comodità. La piattaforma logistica locale potrà trasportare anche ordini in arrivo fuori dal perimetro cittadino, diventando un riferimento efficiente per gli altri spedizionieri. A fine giornata i mezzi rientrando al “deposito” faranno assemblare i prodotti relativi agli ordini arrivati da fuori con quelli ordinati in città, così saranno consegnati tutti insieme, ottimizzando la gestione degli operatori logistici ed evitando al cliente più consegne".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità