comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VERNIO
Oggi 18°27° 
Domani 18°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
venerdì 03 luglio 2020
corriere tv
Fase 3, Zaia: «Lunedì nuova ordinanza, inasprirà misure»

Lavoro lunedì 18 novembre 2019 ore 14:00

Parlò male della ditta, licenziato e reintegrato

Mandò sulla chat un messaggio vocale dove denigrava l'azienda. Il giudice lo ha reintegrato. Cisl: "Sentenza che dà valore al diritto alla privacy"



PRATO — Parlò male dei suoi colleghi che erano stati promossi attraverso un messaggio audio spedito sulla chat di WhatsApp, così fu stato licenziato dalla sua azienda. Ma il giudice del tribunale del lavoro di Firenze lo ha reintegrato. Una sentenza "straordinaria" che secondo la Femca Cisl sancisce il diritto alla privacy. 

L'operaio un anno fa aveva denigrato alcuni colleghi perché contrariato dalla loro promozione, ma quel messaggio è arrivato ai vertici aziendali. Adesso l'operaio della ditta di abbigliamento dovrà decidere se tornare a lavorare in quella azienda. L'azienda ricorrerà in appello.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità