Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:53 METEO:VERNIO18°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
sabato 15 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Cronaca martedì 20 aprile 2021 ore 22:03

Caduta mortale dal treno, c'è un indagato

E' un meccanico pratese, indagato per furto e omicidio per la morte dell'imprenditore trovato senza vita sui binari fra Massa e Forte dei Marmi



PRATO — C'è un indagato per furto e omicidio nell'inchiesta sulla morte di Claudio Vita, il giovane di 31 anni di Montignoso, titolare di un locale a Cinquale, il cui cadavere è stato ritrovato ieri mattina sui binari fra Massa e Forte dei Marmi, con una profonda ferita alla testa. Si tratta di uomo di 29 anni residente a Prato, meccanico di professione, rintracciato dai Carabinieri poche ore dopo il ritrovamento del corpo.

Il giovane meccanico, secondo la ricostruzione degli inquirenti e quanto da lui stesso dichiarato al suo avvocato, domenica sera ha cenato nel locale della vittima insieme ad altre persone. A un certo punto è sparito un borsello di proprietà di Claudio Vita contenente 5.000 euro e i presenti avrebbero cominciato ad accusarsi fra loro. Il giovane pratese si è quindi alzato per andarsene, Vita lo ha rincorso ed è cominciato un inseguimento fino alla stazione di Massa, dove il meccanico sarebbe salito al volo sulla prima carrozza di un treno merci in movimento.

Secondo l'ipotesi dei carabinieri però Vita sarebbe riuscito ad aggrapparsi ad uno degli ultimi vagoni e a salire a sua volta sul convoglio. Quel che è successo dopo però è ancora un mistero: l'imprenditore, che probabilmente si teneva aggrappato al treno con un mano soltanto per un problema all'altro braccio, potrebbe essere caduto rovinosamente sui binari ed essere quindi morto per un incidente mentre cercava di raggiungere quello che riteneva fosse il ladro del suo borsello con i 5.000 euro. Oppure è successo qualcos'altro ed è a questo punto che emerge l'ipotesi di reato di omicidio.

L'avvocato del meccanico pratese ha riferito all'Ansa che il suo cliente ha dichiarato agli inquirenti di aver cercato solo di "sfuggire a un'aggressione" e di "non aver partecipato in alcun modo alla disgrazia".

Elementi utili sulle cause della morte e della ferita alla testa rinvenuta sulla vittima arriverà probabilmente dall'autopsia, in programma per domani.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con i nuovi positivi emersi oggi, nel Pistoiese gli infettati da inizio pandemia superano quota 21.600. I dati in dettaglio dai bollettini ufficiali
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità