QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VERNIO
Oggi 12° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
lunedì 18 novembre 2019

Cronaca giovedì 17 ottobre 2019 ore 14:21

"Nessuna rissa in carcere, ecco cosa è accaduto"

Il ministero della Giustizia è intervenuto per raccontare cosa sarebbe accaduto all'interno del penitenziario di Prato durante una recente aggressione



PRATO — Lo scorso 9 ottobre la polizia penitenziaria è stata oggetto di una aggressione all'interno della Casa circondariale di Prato e di "un episodio di aggressione al personale" ha parlato oggi il ministero della Giustizia intervenuto con una nota per precisare quanto accaduto parlando di "notizie palesemente infondate".

Nella nota ministeriale è precisato che "come comunicato dalla Direzione del carcere, nessuna rissa o agguato si è verificato all’interno dell’istituto. Si è trattato in realtà di atti di turbativa provocati da due detenuti nordafricani, in evidente stato di alterazione per l’assunzione di bevande alcoliche prodotte di nascosto nelle stanze di pernottamento. La sera del 9 ottobre i due si sono rifiutati di rientrare in cella al termine del tempo della “socialità” e, mentre il primo dopo essersi tolto i vestiti, si procurava lievi lesioni con una lametta, che usava anche per minacciare il personale di Polizia Penitenziaria, il secondo arrecava danni alle finestre nel corridoio, allo sportello del quadro elettrico e quindi lanciava un fornello a gas contro un sovrintendente che, per parare il colpo, riportava un trauma contusivo, con prognosi di 7 giorni. Un secondo agente, spintonato, cadeva a terra, riportando varie contusioni (ginocchio e zigomo), giudicate guaribili in 8 giorni".

La nota ministeriale prosegue "La direzione dell’istituto sottolinea anche l’aiuto portato da alcuni detenuti al personale di Polizia penitenziaria nel tentativo di contenere i due rissosi. La situazione è stata riportata alla normalità in breve tempo e i detenuti responsabili sono stati collocati in isolamento. Successivamente ne è stato chiesto il trasferimento ad altra sede. Questa Amministrazione ha già chiesto alle testate che hanno riportato notizie infondate, di provvedere tempestivamente alla rettifica, come previsto dall’articolo 8 della legge 47/1948 e dall’articolo 2 della legge 69/1963".



Tag

Acqua Alta a Venezia, ristoratori regalano pasta e fagioli: «Questo lo spirito dei veneti»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità