Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:37 METEO:VERNIO17°25°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
martedì 28 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden fa la terza dose del vaccino Pfizer in diretta tv

Cronaca sabato 05 giugno 2021 ore 09:58

Operai clandestini nella ditta-dormitorio

polizia

E' di 4 denunce, sequestro di 30 macchinari tessili e sospensione dell'attività il bilancio dell'operazione interforze in un'azienda tessile



PRATO — L'igiene lasciava a desiderare, la sicurezza del lavoro era precaria. In più l'azienda tessile a conduzione cinese controllata ieri da un gruppo interforze - composto da polizia di Stato, polizia municipale, personale Asl, dell'ispettorato del lavoro e di Alia - occupava operai alcuni dei quali clandestini avendo allestito in ditta e senza permesso degli spazi dormitorio. 

A conclusione delle verifiche l'attività è stata sospesa, i suoi 2 titolari denunciati così come 2 persone risultate clandestine in Italia e 30 macchinari sono stati sequestrati. Quando la verifica è scattata in ditta c'erano 10 operai, tutti di nazionalità cinese, tra cui 2 senza alcun documento. Questi ultimi sono stati accompagnati in questura per una compiuta identificazione e risultavano clandestini e sono stati quindi deferiti all’autorità giudiziaria. 

Inoltre i locali della ditta si presentavano in scarse condizioni igieniche ed in precarie condizioni di agibilità. Gli agenti di polizia municipale hanno riscontrato che all’interno erano state create stanze a uso abitativo, fatto che è costato sanzioni amministrative per un totale di 3.400 euro per inottemperanza agli articoli 29 e 60 del Regolamento di Polizia Urbana, facendo scattare anche il sequestro di 30 macchinari tessili presenti nella ditta. 

Sanzione penale, invece, da parte della Asl che ha riscontrato il mancato rispetto delle norme di sicurezza sul lavoro, essendo presente un dormitorio nel vano sotto scala, e per le scarse condizioni igieniche. Il personale dell'ispettorato del lavoro hanno elevato una sanzione pecuniaria in quanto due dipendenti mancavano di regolare contratto di lavoro ed erano stranieri irregolari sul territorio nazionale. 

È stata disposta la sospensione dell’attività con ulteriore sanzione di 2.000 euro. La questura di Prato, nello specifico la divisione di polizia amministrativa, ha denunciato i titolari dell’azienda, entrambi cittadini cinesi, per aver occupato alle proprie dipendenze lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con i dati odierni, dall'inizio della pandemia nel Pratese si sono registrati 630 decessi e 26.090 contagi. Ecco l'andamento delle ultime 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Cronaca