Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:12 METEO:VERNIO10°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Tonga, prima e dopo l'eruzione del vulcano

Cronaca martedì 18 maggio 2021 ore 18:55

Turni massacranti in fabbrica e botte agli operai

auto della guardia di finanza
L'operazione è stata messa a segno dalla Guardia di Finanza

La guardia di finanza ha eseguito due arresti per sfruttamento lavorativo ed evasione fiscale, oltre ad alcune denunce e sequestro di beni



POGGIO A CAIANO — In quell'azienda di pelletteria gli operai erano sottoposti a turni massacranti, anche 12 ore, 6 giorni a settimana. Niente riposi né ferie, alloggio in dormitori funzionali al luogo di produzione, sicurezza nei macchinari incerta. La paga? In media 800 euro. E al minimo sgarro, ecco le botte con schiaffi e cinghiate. La ricostruzione giunge dalla guardia di finanza di Prato che, col suo nucleo di polizia economico finanziaria, è arrivata ad arrestare per questi fatti due persone con l'accusa di sfruttamento lavorativo ed evasione fiscale, denunciando per concorso nel reato due amministratori di un'azienda committente del fiorentino e sequestrando beni per ingenti importi.

Le indagini, coordinate dalla procura di Prato, sono scaturite dalla denuncia presentata alle Fiamme Gialle tramite la Camera del lavoro della Cgil da tre uomini che lamentavano le condizioni di degrado e di sfruttamento in cui erano costretti quali operai di una pelletteria di Poggio a Caiano. Benché intestata ad altra persona, la ditta è risultata di fatto gestita da una coppia di coniugi inquadrati quali dipendenti. I due sono risultati aver operato precedentemente, in una sorta di continuità aziendale, attraverso altre imprese dislocate nel medesimo immobile, una subentrata all'altra con nuova denominazione e partita Iva.

Dalle indagini sono emersi in danno di almeno 18 extracomunitari occupati in tempi diversi, in prevalenza di nazionalità cinese, gli estremi per integrare sfruttamento lavorativo che aveva come apice le punizioni corporali inflitte in caso di imperfetta esecuzione delle mansioni, inerenti la realizzazione di borse e accessori per conto terzi. Da quest'ultima evidenza è scaturita la denuncia a piede libero degli altri due imprenditori, oltre che dell'intestataria dell'azienda poggese.

Le Fiamme Gialle hanno poi dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal giudice per le indagini preliminari di Prato, su richiesta della procura, finalizzato alla confisca del profitto del reato di evasione fiscale per un importo complessivo pari a circa 902mila euro, corrispondente al totale delle imposte sottratte all'erario. Il sequestro ha riguardato denaro contante e beni riconducibili alla coppia di cinesi, tra cui una villa ed un terreno. Sono stati eseguiti anche sequestri di macchinari.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore il dato sui nuovi contagi relativo al capoluogo, Prato, da solo supera di gran lunga il totale provinciale di ieri. Nessun decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca