comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VERNIO
Oggi 11°11° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
venerdì 10 aprile 2020
corriere tv
Occhiali appannati con la mascherina? Ecco come evitare il problema

Attualità lunedì 23 marzo 2020 ore 14:40

Covid, in Toscana un morto e dieci positivi fra i medici di famiglia

La vittima nella piana di Lucca. Il dati sono stati diffusi dalla Società italiana di medicina generale. Intervista al presidente Claudio Cricelli



FIRENZE — In Italia sono 11 i medici di famiglia deceduti dopo essere risultati positivi al Covid-19 e di questi uno viveva e lavorava in Toscana dove ci sono altri dieci medici di famiglia contagiati.

Il dato è stato reso noto dalla Simg, la Società italiana dei medici di medicina generale, e dalla Fimmg, la Federazione dei medici di medicina generale.

Il medico che non è sopravvissuto in Toscana aveva 69 anni e abitava a Capannori, nella piana di Lucca. E' morto sabato scorso. Ci sono poi altri dieci medici di famiglia contagiati, secondo i dati della Simg: quattro lavorano nel pistoiese, due a Firenze, uno a Prato, due a Grosseto e uno a Massa Carrara.

In merito alla diffusione del contagio abbiamo rivolto alcune domande al presidente della Simg, Claudio Cricelli, che ha confermato che l'Italia sta probabilmente entrando nella fase più critica e che le previsioni per la conclusione dell'emergenza parlano di 180-240 giorni dall'individuazione del primo caso di Covid-19 italiano, il manager 38enne del Lodigiano, diagnosticato intorno alla metà di febbraio.

Dottor Cricelli, il mondo scientifico è alle prese con questo virus nuovo ed è difficile anche fare previsioni su picchi e tempi di uscita. Cosa ne pensa?

"Penso che stiamo studiando le epidemie da 150 anni. Abbiamo visto la spagnola, l'asiatica, e, in tempi più recenti, Ebola e Sars solo per citarne alcune. Sappiamo come si comportano i virus e possiamo elaborare dei modelli matematici che poi però vanno necessariamente accompagnati dai dati reali"

E cosa ci dicono i numeri di oggi?

"Intanto come si diffonde attraverso la popolazione, in maniera rapida e che colpisce anche i giovani".

E sul contagio?

"Le misure di distanziamento sociale sono state applicate dal 9 marzo in tutta Italia e, se partiamo da quel giorno arrivando tra ieri e oggi, dunque dopo due settimane, è vero che i numeri ci indicano che, probabilmente, stiamo entrando in una fase dove il picco è possibile che sia raggiunto e resti stazionario".

Dunque è fondamentale restare a casa?

"Certo, limitare il più possibile gli spostamenti. Evitare assembramenti per fare la spesa, recarsi in farmacia o anche solo portare fuori il cane. Le misure che abbiamo preso sono efficaci se si rispettano le norme. Ricordiamo che in Toscana queste regole sono in vigore da quindici giorni e dunque, adesso, speriamo di cominciare a vederne gli effetti".

E sul lungo periodo?

"Possiamo dire che in giro ci saranno ancora tante persone positive e sarà difficile individuarle data l'impossibilità di fare tamponi a tutti, ma, ragionevolmente, in un arco di tempo che va tra i 180 e i 240 giorni dal paziente zero italiano, ricordo che la data è quella del 20 febbraio, riteniamo che potremo avere solo casi confinati e sporadici".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità