Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:55 METEO:VERNIO19°32°  QuiNews.net
Qui News valbisenzio, Cronaca, Sport, Notizie Locali valbisenzio
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Metsola ricorda Sassoli e l'Aula applaude: «Ho promesso di rendere onore alla sua eredità»
Metsola ricorda Sassoli e l'Aula applaude: «Ho promesso di rendere onore alla sua eredità»

Attualità lunedì 25 settembre 2023 ore 10:55

Annata difficile per l'olio toscano, produzione in frenata

Le stime degli esperti prevedono un calo del 20 - 25 per cento. Salva comunque la qualità dell'extravergine che resta eccellente



TOSCANA — Questa del 2023 è una campagna olivicola complicata ed incerta fino all’ultimo per l’olio extravergine toscano. Le piogge di Maggio hanno bloccato l’impollinazione. E così sui rami sono cresciute meno olive. La siccità e gli eventi estremi con numerose grandinate hanno fatto il resto. 

Ad illustrare una prima previsione è il Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine Toscano IGP che si attende una flessione del 20% - 25% della produzione a fronte di parametri qualitativi molto alti per il più pregiato ed esportato EVO a denominazione d’Italia. La produzione di olio certificato si era attestata lo scorso anno intorno a 27mila quintali. E’ una stima migliore rispetto a quella dello scenario europeo e di molti dei principali competitor come la Spagna, Tunisia e Grecia dove la flessione è molto più marcata e destinata quindi ad avere ripercussioni sui prezzi su larga scala.

“E’ una stagione tra luci ed ombre. Gli ingredienti per una campagna olivicola molto generosa c’erano tutti. – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Consorzio Tutela dell’Olio Extravergine Toscano IGP - L’ottima fioritura di Aprile aveva creato le condizioni giuste salvo poi scontrarsi con le piogge abbondanti ed insistenti di Maggio e Giugno che se da un lato hanno ricaricato le riserve idriche dei terreni, dall’altro non hanno agevolato una impollinazione anemofila omogenea e capillare con il passaggio da fiore e frutto che è stato in molte aree anche molto deficitario. Poi è arrivato il caldo torrido e persistente di Luglio ed Agosto che ha provocato ulteriore stress alle piante che hanno iniziato a scartare le olive che non riuscivano a portare a maturazione.  Chi ha potuto irrigare è riuscito a recuperare quote di produzione, per tutti gli altri è stato molto più complicato”.

La chiave per il futuro e la “sopravvivenza” dell’olivicoltura toscana è rappresentata dalla disponibilità di acqua per irrigare gli olivi da raccogliere attraverso invasi o tramite il riutilizzo di acque reflue (o bianche) così come nell’integrazione delle nuove tecniche agronomiche e di agricoltura di precisione. Non solo, tra le frontiere da esplorare ci sono anche quelle offerte dall’intelligenza artificiale che possono accelerare i processi di selezione dei genotipi più adatti ad ambienti e condizioni climatiche diverse, queste le soluzioni che avanza il Consorzio di Tutela dell’extravergine Toscano IGP. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le fiamme sono divampate nella notte richiedendo l'intervento di squadre dei vigili del fuoco da più parti della Toscana con forze dell'ordine e 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Economia

Attualità